sabato 12 dicembre 2015

Domenico Schietti e il Motore di Schietti

Ultimo aggiornamento 15 - 01- 2016

deforestazione-effetto-serra-cambiamento-climatico-pianeta-profitto-ecologia-terra-mondo

Oggi a Parigi vengono siglati gli accordi sul cambiamento climatico da oltre 150 capi di stato di tutto il mondo. Si conclude così anche la vicenda pubblica di Domenico Schietti ideatore e promotore nel 1989 della prima campagna mondiale contro la deforestazione e l'effetto serra che coinvolse persone ed organizzazioni in oltre 40 paesi con la clamorosa manifestazione di Milano con più di 10 mila persone per salvare l'Amazzonia e le foreste di tutto il mondo che terminò con il viaggio in Brasile di Schietti ospite delle principali tribù indios.

In Internet Domenico Schietti ideò e promosse la prima campagna mondiale per eliminare la povertà con lo sviluppo sostenibile entro il 2010. Il suo sito in 6 lingue fra il 2003 e il 2006 contava oltre 40 mila pagine visitate al giorno e proponeva in particolare iniziative che potevano essere prese da singoli senza l'aiuto di organizzazioni. La Carta di Milano esposta all'Expo 2015 che si ripropone l'obiettivo per il 2030 è una campagna per eliminare la povertà che ha attecchito tra milioni di persone e i capi di stato di tutto il mondo. Anche la Millennium Campaign dell'ONU che si proponeva di dimezzare la povertà per il 2015 ha tratto stimolo da 2010: Eliminazione Povertà che rimarrà storicamente la prima campagna con l'obiettivo ambizioso di eliminare la povertà. Il segreto della sua campagna che rendeva possibile il progetto era l'invenzione del Motore Schietti per produrre energia pulita.

Schietti ha impegnato molti dei suoi anni a lottare per l'energia pulita essendo basilare per eliminare l'effetto serra e la povertà. Senza energia pulita non può essere prodotta acqua potabile di condensa, o desalinizzata o depurata. Abbastanza famosa la sua pagina su Facebook per l'energia rinnovabile con quasi 6 mila iscritti che ha contribuito alla vittoria al referendum contro il nucleare nel 2011. Attualmente è la pagina facebook con più iscritti sul tema effetto serra - energia pulita, ma anche promuovendola a pagamento non si riescono ad ottenere nuovi iscritti.

I blog realizzati fra il 2011 e il 2014 invece non riuscivano ad avere più di 100-200 visitatori al giorno su pagine insignificanti. Però non c'è dubbio che le sue ricerche e le sue invenzioni potrebbero cambiare la storia umana.

turbina eolica gigante energia vento pulita rinnovabile oceano mare isole idrogeno

Uno dei metodi migliori trovato da Schietti per produrre energia pulita sono le turbine eoliche giganti. In Italia c'è molto vento alle Bocche di Bonifacio fra Corsica e Sardegna infatti vengono da tutto il mondo per fare regate veliche dato che soffia sempre vento, ma non vengono istallate turbine eoliche.

Le turbine eoliche potrebbero essere messe anche in oceano in migliaia di isole dove soffia vento tutto l'anno, che comunque verranno sommerse dal rialzo degli oceani. L'energia può essere trasportata nei paesi industrializzati sotto forma di idrogeno con navi cisterna. Se fate uno studio delle mappe oceaniche potete vedere decine di sistemi di isole immensi che si estendono per migliaia di chilometri, la Polinesia, la Micronesia, la Melanesia, le Aleutine, le Curili, le Grandi Barriere Coralline, le Laccadive, le Maldive, le Seychelles, le Isole Caraibiche, e tante altre, lasciando supporre che si potrebbe produrre tantissima energia.

L'idrogeno potrebbe essere mischiato al gas metano per migliorare la resa delle auto a metano od usato direttamente in auto con motore a scoppio con serbatoi più piccoli di quelle a metano, o motore a cellule combustibili.

Ci sono in vendita anche kit per la produzione di idrogeno da istallare sulle proprie auto con 200-300 euro, che migliorano la resa delle auto del 15-20% mischiando l'idrogeno alla benzina e al diesel.

Il metodo più comodo per utilizzare l'idrogeno sicuramente è nei motori a scoppio, brucia benissimo come il metano, ma molto più potente. C'è un vero e proprio boicottaggio fatto di falsità per far credere che non lo si possa utilizzare nei motori a scoppio e servano i motori a celle combustibili molto costosi in modo da ritardare la produzione e la vendita di macchine ad idrogeno.

Un po' come le batterie delle auto elettriche. Nei test di prova si legge di batterie che hanno anche 1000 km di autonomia, realizzate con metalli economici come l'alluminio e che si ricaricano velocemente, ma ovviamente quelle in vendita hanno tutte pochissimi chilometri di autonomia, si impiega ore a ricaricarle e costano tantissimo.

motore schietti pressione atmosferica free energy energia pulita rinnovabilemotore schietti pressione atmosferica free energy energia pulita rinnovabile aria acqua

Schietti ha ideato 2 metodi per sfruttare la pressione atmosferica che fa risalire senza sforzo di 10,33 metri l'acqua attratta dal vuoto (come ha dimostrato Ctesibio da oltre 2000 anni con la sua famosa pompa che Torricelli poi scoprì che funzionava grazie alla pressione atmosferica).  Il Motore a pressione atmosferica alla massima efficienza possibile può produrre l'energia di una piccola cascata alta 10 metri, meno l'energia utilizzata dalle pompe, cioè pochissimo, massimo una piccola cascata di 6-7 metri.

Il Motore di Schietti a pressione atmosferica, essendo un'energia debole che viene prodotta occupando molto spazio, va pensato su grande scala, almeno 100-200 cilindri per produrre l'energia di una piccola centrale idroelettrica alta 200-300 metri o di una piccola centrale termoelettrica. Ha il pregio di funzionare ovunque 24 ore su 24.

Per renderlo conveniente va ottimizzato il sistema di funzionamento diretto della pompa di aspirazione con l'energia cinetica prodotta dal motore stesso senza conversioni energetiche. La pompa deve consumare meno energia di quella prodotta in eccesso dalla pressione atmosferica. L'energia impiegata dalla pompa è la stessa che si impiega ad aspirare aria.

Il video del motore a pressione atmosferica postato su youtube ha avuto quasi 50 mila visite, ma purtroppo centinaia di commenti di presunti ingegneri che di fatto negavano il funzionamento della pompa di Ctesibio e diffamavano in ogni modo Schietti.

motore schietti acqua principio archimede centrale idroelettrica energia pulita moto perpetuo aria acqua

Schietti ha ideato anche un metodo famoso e boicottatissimo per inserire aria alla base di un cilindro d'acqua e per ricaricare bacini idroelettrici, che al massimo può produrre la stessa energia di una centrale idroelettrica. Per ricaricare un bacino idroelettrico, rispetto al disegno di esempio (cliccare sopra per ingrandire), nel cassetto invece di aria va messa acqua che tracima in superficie grazie al movimento degli spuntoni.

Sugli spuntoni e sulle paratie non c'è peso perché l'acqua riceve una spinta verso l'alto pari al suo peso per il Principio di Archimede, come confermano pesci e sub che nuotano senza venire spappolati, anche se c'è pressione come conferma l'aria che si comprime proporzionalmente alla profondità in cui viene immersa. L'energia impiegata per immettere aria o acqua nel cassetto del Motore di Schietti è sempre la stessa mentre l'energia prodotta cresce con l'altezza del cilindro, quindi c'è lavoro utile. La forza che viene sfruttata è il Principio di Archimede che non fa gravitare l'acqua sugli spuntoni e le paratie. L'acqua immersa in acqua è come un corpo qualsiasi immerso in acqua, sente la spinta di Archimede. C'è pressione, come dimostra l'aria che si comprime, ma non c'è peso come dimostrano sub e pesci che nuotano senza venire spappolati e le alghe che crescono verso l'alto senza venire schiacciate sui fondali marini.

Non è importante perdere tempo in discussioni su questa versione del Motore Schietti perché si rischia di trovarsi attaccati da decine di ingegneri che discutono teoricamente senza effettuare prove pratiche negando di fatto che pesci e sub si muovano liberamente sott'acqua come le paratie e gli spuntoni del Motore Schietti. L'acqua non è roccia.

Se fosse una bufala con la grande confusione che ha fatto Schietti in internet, sicuramente giornali e televisioni avrebbero dato grande spazio alla notizia del truffatore che finge di avere un metodo per produrre energia, ci sarebbero stati processi, multe per spam, galera.

condotte centrale idroelettrica motore schietti energia pulita

Se viene immessa acqua nel cassetto del Motore Schietti, per produrre la stessa energia della diga sul Fiume Giallo andrebbe costruito uno sbarramento alto uguale ( 170 metri) e lungo uguale ( 7 km), con un bacino di raccolta più piccolo con centinaia di condotte di ricarica. Non conviene anche se fatto più piccolo.

Il duro boicottaggio ricevuto fa sospettare che il Motore Schietti potrebbe essere conveniente forse per il semplice motivo che esistono già migliaia di centrali idroelettriche che potrebbero lavorare a pieno regime tutto l'anno e quindi andrebbe costruito solo un sistema di ricarica o perché immettendo aria si potrebbero azionare direttamente delle eliche nel cilindro, non sarebbero necessari i bacini idroelettrici e potrebbe essere costruito ovunque.

Per il Principio di Archimede, un metro cubo di aria che sale corrisponde ad un metro cubo di acqua che scende, quindi ad una tonnellata. L'energia prodotta dall'aria che sale per 300 metri o dall'acqua che scende per 300 metri è uguale.

In particolare se viene immessa aria nel cilindro forse vanno collocate 2 eliche, una alla base del cilindro sopra la paratia che sfrutti il moto dell'acqua in caduta che deve riempire la cavità occupata dall'aria nella cisterna, mettiamo 100 metri cubi, alla pressione di 300 metri, l'altezza del cilindro. E una alla cima del cilindro che sfrutti il passaggio di 100 metri cubi di aria alla velocità acquisita risalendo per 300 metri che determina una caduta attraverso l'elica di 100 metri cubi di acqua alla velocità di fuoriuscita dell'aria.

Per rendere continuo il flusso di aria vanno pensate almeno 4 cisterne alla base di ogni cilindro che funzionino alternativamente e quindi due cilindri, uno in cui far risalire l'acqua e uno in cui farla discendere mentre l'aria risale attivando le turbine.

Schietti ha varie volte informato i principali governi del mondo che se il suo Motore mettesse a repentaglio la sicurezza mondiale ne diverrebbe il primo detrattore negando il funzionamento.

elettropendolo zamboni moto perpetuo pile a secco orologio elettromagnetismo free energy motoreorologio moto perpetuo jaeger le coultre atmos energia pressione atmosferica motore

Oppure ci sono anche altri metodi boicottati per produrre energia come evoluzioni giganti del Motore a Pendolo di Zamboni o del Motore Jaeger Le Coultre Atmos. Si tratta anche in questo caso di energie deboli e quindi vanno pensate dimensioni giganti. Il Motore a Pendolo sfrutta le famose pile a secco di Zamboni che condensano energia elettrostatica utilizzata come magnete ad intermittenza. Il Motore Atmos fa girare la grossa rotella zigrinata sfruttando l'espandersi e il comprimersi di un gas, il cloruro di etile, con il variare impercettibile della pressione atmosferica.

serbatoio-cisterna-anidride-carbonica-le-coultre-schietti-effetto-serra-soluzione

Il Motore Atmos può funzionare anche con anidride carbonica anche se con resa minore del cloruro di etile. Però se pensate a milioni di grosse cisterne di almeno 10 metri di diametro e 20 di altezza, in cui stivare anidride carbonica, con le quali si potrebbe produrre 1 Megawatt di energia elettrica, si risolverebbe l'effetto serra dando energia a tutto il mondo.

I moti perpetui che sfruttano energie naturali poco appariscenti come la pressione atmosferica o il principio di Archimede o l'energia elettrostatica vengono boicottati a priori asserendo che violano i principi della termodinamica e quindi non possono funzionare. E' facile trovarsi con un orologio Jaeger-Le Coultre in casa che funziona senza ricarica facendo ruotare la grossa rotella zigrinata e decine di ingegneri che negano sia possibile, che fanno cerchio intorno a te e ti diffamano, ti denunciano, ti offendono fino a far scattare vere e proprie repressioni facendo supporre conseguenze catastrofiche a livello planetario nel caso venissero usati questi metodi. A volte è meglio discutere delle turbine eoliche alle Bocche di Bonifacio o ai tropici per produrre idrogeno che è un metodo inconfutabile, o del kit idrogeno per auto che non viene prodotto dalle grandi case costruttrici in serie sulle auto, lasciando solo intuire di metodi occultati forse molto migliori.

motore magnetico free energy energia gratis neodimio calamite

I Motori Magnetici di cui si possono trovare moltissimi video fake su you tube, in base alle ricerche di Schietti, per funzionare avrebbero bisogno di una sostanza che schermi il neodimio senza venirne attratta, che purtroppo non esiste.

testatika baumann energia pulita gratis elettrostatica free energy

Schietti ha condotto indagini anche su Testatika di Baumann, ma non è riuscito a visionare prototipi e si suppone che, se non sia un fake, utilizzi l'energia elettrostatica come Zamboni. Per produrre energia come una centrale termoelettrica Testatika dovrebbe essere costruito di almeno 15 metri di altezza.

tesla free energy brevetto motore nikola tesla energia condensatore antenna etere ionosfera

Si parla spesso anche del Motore Tesla, ma non esistono prototipi da visionare a parte un brevetto di una specie di condensatore di energia elettrostatica e quindi forse si tratta di un'evoluzione del metodo di Zamboni. Non escludo che ci siano altri brevetti di Tesla per produrre free energy. Sicuramente aveva studiato il metodo Zamboni cercando di migliorarlo come era solito fare con tutte le scoperte nel settore elettromagnetico. Alcuni sostengono che avesse rivolto le sue ricerche per sfruttare l'energia contenuta nell'etere, altri quella della ionosfera.

stanley meyer idrogeno pila combustibile motore acqua auto energia pulita

Ci sono anche metodi discussi per produrre idrogeno con poca energia, o con metodi naturali come attraverso delle alghe, ma ci sono poche informazioni. Alcune notizie pubblicate dai media come il metodo Meyer e quello Kantius non han trovato seguito.

Cercando su google sotto free energy ci sono tantissimi risultati che andrebbero approfonditi meglio. Non c'è dubbio che il divieto di depositare brevetti di moti perpetui sia in vigore da decenni e quindi già da tempo qualcuno ha fatto delle invenzioni che han fatto scattare il boicottaggio delle multinazionali dell'energia sulle forze naturali poco appariscenti che non sono moti perpetui, ma sfruttano energie leggere o poco visibili. Se ci fosse buonafede verrebbero costruiti dei prototipi di medie dimensioni dei Motori più conosciuti per dimostrare a chiunque volesse capire meglio, soprattutto fra qualche decennio quando la situazione sarà catastrofica per via dell'effetto serra e della povertà, che producono troppa poca energia o non funzionano. Il problema invece è che sicuramente alcuni funzionano e producono energia.

Nonostante i suoi gruppi Facebook contro il nucleare per l'energia pulita rinnovabile , i suoi blog, e numerose iniziative ed interventi in discussioni pubbliche, a lettere a centri di ricerca, a governi, a polizie e a media di tutto il mondo, i metodi proposti da Schietti però non hanno attecchito. Non sono nemmeno iniziate serie indagini pubbliche sui metodi boicottati per produrre energia, probabilmente perché anche i più famosi gruppi ecologisti sono corrotti, in una sorta di complotto globale di cui Schietti asseriva l'esistenza trovando i responsabili nei principali poteri occulti, nelle banche e nei partiti che speculano su guerra, petrolio, commercio, produzioni industriali, monopoli materie prime, droga, prostituzione, appalti.

Schietti con oggi ufficialmente si ritira a vita privata, o se preferite rientra nei ranghi, o torna dall'anonimato dopo aver cercato di cancellare ogni traccia del suo passato, come blog e gruppi facebook, per non interferire con altri che stanno cercando di eliminare la povertà, l'inquinamento, le ingiustizie, lo sfruttamento, la violenza e l'effetto serra, riservandosi ovviamente la possibilità di scrivere ai diretti interessati se avesse nuove proposte, o di aggiornare questo articolo e la sua pagina facebook. Schietti ha 50 anni, non ha più voglia, non si sente più competitivo e conflittuale, preferisce stare per i fatti suoi. E' normale, si sa, bisogna essere giovani per certe cose o bisognerebbe avere staff di ricercatori e svolgere un lavoro più complesso per conto di organizzazioni o avere avuto un grande successo ed avere decine di migliaia di fans che si occupano loro di portare avanti le campagne.

Nel caso venisse dimostrato da inviati del governo che è assolutamente negativo o pericoloso produrre energia pulita con i metodi proposti in questa pagina internet,  Schietti si è dichiarato disposto a confermarlo, o a cancellare subito ogni informazione sui metodi incriminati o a cancellare questa pagina internet.

Nel caso un metodo fosse innocuo, ma producesse troppa energia e non si volesse farlo sapere, o non lo si volesse dare ad alcuni paesi in via di sviluppo, o nemici, ma occorresse produrre energia pulita per salvare il mondo, da tanti anni Schietti ha avvisato i principali governi che vanno costruite finte centrali termoelettriche, o di altro tipo, che simulano di produrre energia con metodi convenzionali e che invece di nascosto usano il metodo segreto.

dea madre madre natura

La Dottrina di Schietti esposta in tanti articoli, opuscoli, aforismi ed anche mail ai leader di tutto il mondo, si può sintetizzare nel concetto che la vita è un'avventura, una scuola o una galera a seconda dei punti di vista. Oltre alla presenza di Dio Padre secondo Schietti va considerata l'esistenza di Madre Natura. Schietti a volte la chiamava Dea Madre. Inoltre Schietti spiegava che non abbiamo creato noi il mondo. Non ci sono prove chiare che Dio abbia affidato a noi la Terra e che sia la nostra casa in cui possiamo fare quello che vogliamo (come sostengono per luogo comune o per assunto alcuni leader sociali ritenendo che si possa popolare all'infinito il pianeta, che ci possa essere uno sviluppo senza limiti, che il proprio interesse giustifichi la violenza e che Madre natura possa essere sottomessa). Siamo qui di passaggio, a casa d'altri, probabilmente il Regno di Madre Natura (un mondo naturale di cui facciamo parte essendo anche noi esseri naturali e in cui dobbiamo vivere in armonia assieme alle altre creature). Quindi meglio andare cauti riducendo la violenza, l'inquinamento, lo sfruttamento e la natalità in attesa di migliori delucidazioni, perché se sbagliamo ci si ritorce tutto contro. In altre parole non abbiamo autorizzazione di fare figli in eccesso perché c'è scarsità di risorse, bisogna aver cura del creato e prendere le decisioni tutti insieme a livello mondiale perché viviamo sullo stesso pianeta, non ne abbiamo uno di scorta, e se fosse tutto chiaro e semplice saremmo tutti d'accordo da millenni. Schietti quindi sosteneva la necessità di vivere  in modo saggio seguendo le leggi di Madre Natura (e di Dio) e non credeva nello sviluppo senza limiti, anzi sosteneva che prima o poi il mondo sarebbe finito e ci sarebbe stato un giudizio finale.

Chiunque su queste basi può formulare proposte dal governo mondiale al proprio sindaco, come era solito fare Schietti, promuovere campagne, aprire gruppi Facebook o scrivere articoli con opinioni condivisibili per costruire un futuro di pace ed attuare e migliorare gli accordi di Parigi, la Carta di Milano, l'enciclica Laudato Sii ed altri documenti simili, come la Dichiarazione ONU sull'Ambiente di Stoccolma del 1972, la Dichiarazione di Rio del 1992, i documenti della Millennium Campaign fino anche alla Dichiarazione dei Diritti Umani.

Buona fortuna a tutti non ho veramente nient'altro da aggiungere. Che Dio vi benedica.

Domenico Schietti

Ps: fra le campagne radicate ideate e promosse da Domenico Schietti ricordiamo nel 1995 la raccolta firme e due concerti per sistemare i giardini di Piazza Irnerio a Milano con una zona riservata ai bambini, un recinto per cani, aiuole di fiori e nuove piante, che portò nel giro di pochi mesi ad un effetto a catena con la sistemazione per primi dei giardini incriminati e poi di migliaia di altri giardini e parchi a Milano, in Italia e nel mondo.

Ps2: nel 1997 Schietti organizzò forse per primo a Milano una Festa dei Popoli in cui rappresentanti di varie etnie portavano cibi tradizionali festeggiando e mangiando tutti insieme al ritmo di musiche dei propri paesi. L'iniziativa ebbe grande successo e venne riprodotta da centinaia di organizzazioni contro il razzismo in tutta Italia e in tutto il mondo fino a giungere nel 2015 all'EXPO di Milano basato proprio sull'interscambio culturale attraverso i piatti tipici di ogni nazione. Alla festa di Schietti non ci furono molti partecipanti ma fece molto discutere a causa di tantissimi volantini attacchinati dappertutto e di vari tavolini molto vistosi di promozione. A riprova che non si era mai sentito di simile eventi sul volantino vi era indicato "Prima Festa dei Popoli". Risultò evidente che molti cibi tradizionali erano poco sostenibili e andava realizzata una rivoluzione dietetica e vegetariana.

Ps3: ricordiamo anche fra il 2006 ed il 2008 una campagna in internet con oltre 1000 visitatori al giorno che Schietti conduceva con servizi quotidiani dalle foreste della Val di Vara per produrre in Italia 100 Milioni di Tonnellate all'anno di biomassa certificata con la pulizia dei boschi raccogliendo aghi di pino, pigne, foglie, ricci, alberi morti, rami, specie invasive, o alberi troppo vicini, trasformando i boschi in una specie di parchi custoditi in cui effettuare tagli a rotazione senza fretta, dando reddito a decine di migliaia di persone. La campagna aveva anche lo scopo con la pulizia dei boschi di salvare il paese dal dissesto idrogeologico e prevenire inondazioni e incendi. La campagna ha contribuito al finanziamento pubblico in alcuni regioni della pulizia dei boschi e all'introduzione del marchio PEFC per le foreste certificate. Schietti aveva denominato il suo pezzo di bosco Parco della Pace, Scuola dello Sfruttamento Razionale delle Foreste e sperava di poterci portare in visita le scuole del circondario e fare dei corsi per conferire un diploma ai lavoratori della foresta.

Ps4: fra le varie ricerche e campagne ideate e condotte da Schietti, che forse avrebbero meritato più attenzione, e che ognuno può migliorare a suo piacimento, ricordiamo:

serpentina schietti acqua potabile condensa riciclata depurata rigenerata
- un elettrodomestico che produca acqua potabile desalinizzata, di condensa, depurata o riciclata da produrre in serie nel caso venisse data energia in tutto il mondo
- le torri di condensa e altri metodi per produrre acqua senza corrente elettrica
- l'utilizzo di acqua ozonizzata come antiparassitario ecologico per eliminare muffe, insetti, virus e batteri in agricoltura e rendere bio quasi tutti i prodotti della terra
- una lavatrice ed una lavastoviglie ad acqua ozonizzata che non utilizzino detersivi
vaschetta anti malaria zanzare lotta rimedio contro uova
- una vaschetta trappola contenente acqua stagnante per attirare le zanzare a deporre le uova che ogni tre giorni sostituisce, bolle od ozonizza l'acqua
- un sedile retrattile o altri metodi per diminuire la forza d'urto in caso di incidenti auto ed evitare i colpi di frusta
- modelli di moto con freno motore maggiorato per diminuire il rischio di cadute sul bagnato, in curva, sullo sterrato
- le riserve di pesca, il divieto di pesca per alcuni pesci per un paio d'anni, l'aumento delle tasse per il pesce di mare o altri metodi per ridurre i consumi, e le barriere frangiflutti per salvare i litoranei
- l'utilizzo degli insetti, in particolare le locuste, per nutrire polli, tacchini, faraoni, trote e salmoni, da alimentare con erba e foglie di parchi e giardini e scarti agricoli invece che bruciarli e la produzione di concimi organici con i loro escrementi
- la produzione di cellulosa dagli sfalci delle pannocchie di mais e di girasole invece che bruciarli per produrre energia
- la coltivazione della canapa sativa senza THC per produrre bioetanolo, cellulosa, fibre tessili, olio, alimenti per animali e rigenerare terreni
- l'utilizzo di prodotti alternativi a quelli che contengono olio di palma (non basta riportare negli ingredienti olio di palma anche se è stata una grande vittoria, bisogna vietare la pubblicità di questi prodotti e tassarli come i superalcoolici)
- il finanziamento di coltivazioni come l'argania spinosa, il prosopis tamarugo, il karitè, il baobab, il pistacchio, il mandorlo, l'olivo in regioni semiaride
- le piante sempreverdi nei parchi e giardini, le siepi e gli arbusti lungo i marciapiedi, i boschi in verticale nei palazzi, i cestini di rifiuti con alberello per aumentare il verde nelle metropoli
- l'allargamento di alcuni metri delle siepi a bordo delle coltivazioni creando una rete continuativa di vegetazione per vaste aree, sfruttabili per la produzione di biomassa
- acquisto delle foreste e delle aree naturali in pericolo da parte di un fondo internazionale in cui tutti i paesi devono versare una quota a nome dell'ONU o di organizzazioni ecologiste riconosciute
- salvataggio delle foreste con coltivazioni estensive di prodotti farmacologici naturali (per esempio uncaria) o cibi alternativi (per esempio noce amazzonico)
- divieto o tassazione, o certificazione della carbonella vegetale per grill per arrivare a coltivazioni apposite senza tagliare foreste
- divieto commercio legname e biomassa non certificata

doppi vetri cellophane tendina attillata spessa freddo risparmio energetico fai da tedoppio vetro cellophane economico risparmio energetico fai da te

- i doppi vetri in cellophane dal costo irrisorio, o con la pellicola autoaderente (come quella sugli schermi tv nuovi, ma più spessa), con tende pesanti
- un metodo per quadrare il cerchio a ritroso facendo tornare i conti
- la tassazione della carne di mammifero e di altri cibi dannosi come l'olio di palma e gli alcoolici (in parte già diffamati)
- l'utilizzo dei legumi invece della carne
- il finanziamento ai consumatori di prodotti utili sostenibili per aumentare il PIL (in parte già adottata attraverso la restituzione dei soldi con sconti sulle tasse)
- i mercatini per abusivi in spazi appositi in modo che chi non sa cosa fare possa tentare di inserirsi nel commercio
- comitive culturali che girano il mondo per sensibilizzare su problemi con mostre itineranti e spettacoli nei centri anche di piccole città o in fiere coinvolgendo anche scuole e aziende
- la vita in comunità tipo monasteri laici moderni per ridurre natalità, malattie, solitudine, droga, criminalità, problemi di vecchiaia, ridurre i costi ed i consumi
- un premio a chi non fa figli ed utilizza la spirale
- campagne contro la sovrappopolazione spiegando la Dottrina di Schietti che non abbiamo creato noi il mondo, non siamo a casa nostra e non ci sono risorse per tutti, con liste di pro e contro sulla scelta di avere figli
- un piano demografico per stabilire approssimativamente da quante persone possa essere abitato il mondo, ogni nazione ed ogni città in base alle risorse per migliorare le politiche a lunga scadenza dei governi
- la retribuzione di volontari in prodotti in eccesso convenzionati attraverso buoni acquisto su tessera elettronica (cinema di pomeriggio, hotel bassa stagione, ristoranti poco frequentati, biciclette per bambini, maglioni di pile, cacciaviti, libri, prodotti in saldo, biglietti di autobus e treni)
- vitto, alloggio, buoni acquisto e reddito di cittadinanza a volontari disoccupati che si mettono al servizio fisso di comuni, ospedali, parrocchie, organizzazioni di volontariato, per sopperire alle croniche carenze di organico
- premio annuale in buoni acquisto o medaglia a chi non commette reati, è in buona salute, non ha preso multe, si sottopone ad esami preventivi
- servizio civile obbligatorio retribuito in buoni acquisto o penale per potersi esentare
- la laurea di vita con riconoscimento pubblico  e diploma universitario per chi nel corso della sua carriera ha svolto oltre 30 mansioni con datori di lavoro che certificano via via le varie specializzazioni da poter esibire come esami di università
- piani occupazionali nazionali, macroregionali e mondiali, a 10-15 anni, per facilitare gli studi con elenchi dei lavori possibili anche quelli in proprio o saltuari per facilitare la scelta di persone poco fantasiose verso specializzazioni poco note magari in luoghi nemmeno immaginati
- i gruppi di familiari, di parenti e di amici che si autorganizzano per sopravvivere
- investimenti certificati garantiti come per esempio Eurobond inflationed link con garanzia della restituzione sicura dell'investimento senza rischi di fallimento e vincolati all'inflazione.
- la riforma di alcuni culti religiosi come l'islam, il cristianesimo, l'ebraismo, il buddismo, l'induismo, attraverso nuovi profeti che introducono dei nuovi comandamenti come non inquinare, non discriminare, non fare figli in eccesso, rispettare le donne e i bambini, come in parte sta facendo Papa Francesco
- il culto della Dea Madre nella storia
- la conversione dei leader dei poteri occulti, delle banche e dei governi attraverso un cambio di sguardo sul mondo in cui viviamo come potrebbe essere la Dottrina di Schietti
- un comune riconoscimento a livello mondiale di uno stile di vita positivo con le principali regole da seguire per stare bene psicofisicamente
- gli ideali nobili che danno senso alla vita come salvare il mondo, proteggere l'ambiente, difendere le donne e i bambini, aiutare i bisognosi, educare i popoli, consigliare saggiamente i potenti, darsi una missione positiva
- l'istituzione della giornata mondiale della buona azione con concorsi fra gli studenti per elencare 100 possibili tipi di buone azioni e diffondere l'abitudine di compiere almeno una buona azione al giorno istituendo il Movimento Internazionale della Buona Azione al Giorno
- distribuzione da parte dei comuni del manuale del buon cittadino
- la lotta al terrorismo e alla criminalità attraverso il denaro elettronico mondiale
- alternative alla prostituzione
- alternative agli alcoolici ( sport, volontariato, spremute d'arancia, frullati di frutta, cocktail analcoolici, pastiglie di polivitaminici con sali minerali, dieta)
- alternative alla droga
- la tendenza naturale sociale ad autodistruggersi quando si sbaglia grossolanamente e si sente il bisogno di aggravare la situazione invece di recedere come chi va a 140 kmh che sente il bisogno di accelerare, di chi litiga a voce che vorrebbe passare alle mani, di chi beve due bicchieri di superalcoolici che vorrebbe prendere anche il terzo, di chi mangia due fette di torta che vorrebbe assaggiare anche la terza
- le miniere di stagno in Cornovaglia e quelle di rame nel Sinai all'età nel bronzo e le origini del traffico di armi e dei sobillatori di conflitti fino al piano delle 3 guerre mondiali
- la storia dei commerci mondiali a cominciare dai Fenici e dai Greci, passando attraverso le Repubbliche Marinare, la Compagnia delle Indie, fino ai trattati mondiali del WTO
- la rivoluzione industriale, i poteri occulti, le banche, le banconote di carta, le multinazionali, i mercati finanziari
- il Nuovo Ordine Mondiale, il G8, il G20, l'ONU
- l'adozione di un marchio di qualità mondiale per i prodotti che rispettano i diritti dei lavoratori, dell'ambiente e dei consumatori
- suddivisione delle produzioni sostenibili con tutti i paesi del mondo dando reddito anche nei paesi poveri aiutando gli scambi fra di loro
- serpentone economico mondiale a cominciare da euro, sterlina e dollaro e poi dal G20, simile al vecchio serpentone europeo, per fissare i tassi di scambio almeno di 6 mesi in 6 mesi facilitando i pagamenti elettronici
- la lotta alla malasanità introducendo una catalogazione dei vari tipi di malasanità e un sistema di feedback per medici ed ospedali
- un marchio di qualità per professionisti di ogni tipo con feedback al consorzio di tutela
- i furgoni con doccia e toilette a pagamento, con sistema di pulizia automatizzato ad acqua ozonizzata, da utilizzare in sostituzione dei cessi chimici nei centri storici, ai concerti, alle partite, nei parchi, nelle spiagge
- il riscaldamento delle case elettrico con pompe di calore o altri metodi invece di gas e olio combustibile, sfruttando l'energia elettrica nel caso venisse prodotta in grandi quantità
- una stufetta elettrica retroalimentata con un Motore Stirling che sfrutta il calore prodotto per produrre energia per aumentare la potenza della stufetta
- il doping placebo per atleti esuberanti
- tante altre invenzioni ed idee, di cui alcune già copiate da altri come per esempio la pentola col termometro per cuocere sotto il punto di fumo dei grassi, o il letto che si richiude su se stesso in caso di terremoto per proteggere dal crollo del soffitto

Ps5: Schietti ha pensato a lungo anche a come sfruttare geotermia, solare e moto ondoso anche se i risultati non sembrano molto soddisfacenti rispetto ai metodi prima elencati e quindi non è importante leggere alcuni studi qui sotto spiegati.


motore schietti geotermico centrale geotermica geotermia energia pulita rinnovabile

Si possono produrre centrali geotermiche anche dove non vi sono falde di vapore con un metodo meno invasivo di quello utilizzato a Larderello, il Motore Schietti Geotermico o sue possibili evoluzioni. Per portare il calore in superficie possono essere usati lunghi tubi sigillati contenenti acqua sulla cui cima istallare dei Motori Stirling (forse il gas da utilizzare nel Motore Stirling è il cloruro di etile che funziona bene anche a basse temperature). Col Motore Stirling si può comprimere aria a 25-30 atmosfere, da immettere con valvole a pressione alla base di vasche di acqua alte 5-7 metri dove sono contenuti lunghi rulli con pale, che vengono azionati dall'aria che risale per via del Principio di Archimede. I rulli fanno girare le turbine. Possono essere immaginati invece delle vasche anche dei cilindri di acqua di 5-7 metri con l'aria che risalendo aziona semplici eliche.


energia geotermia geotermica europa italia mappa

Per far funzionare un Motore Stirling sono necessari almeno 40-50 gradi di differenziale termico. Non si riuscirebbe ad azionare direttamente le turbine con i motori Stirling perché un solo tubo produrrebbe troppa poca energia e centinaia di tubi sarebbero collocati su un terreno molto vasto ed avrebbero dimensione e potenza diversa l'uno dall'altro che varierebbero anche con la temperatura atmosferica e quella del sottosuolo. Quindi conviene immagazzinare l'energia sotto forma di aria compressa da trasportare alla centrale con la grande vasca o con 12, ma anche 18 o 24 cilindri. L'aria compressa prodotta in un giorno da un tubo verrebbe utilizzata credo massimo in un'ora in un cilindro del Motore Schietti. La convenienza consiste che l'energia debole generata nel corso di una giornata da un differenziale termico di solo 40-70 gradi, che mai potrebbe generare vapore acqueo a 550 gradi con cui azionare turbine termoelettriche, può essere utilizzata concentrata in poche decine di minuti generando una grande forza. Servono decine o centinaia di tubi di grosse dimensioni con cui portare calore in superficie perché l'energia di un differenziale termico di 40-70 gradi è pochissima.

A pressione ambiente un metro cubo di aria pesa 1,29 kg mentre con la spinta di Archimede sviluppa la forza di 1000 kg alla velocità di risalita, cioè proporzionalmente come se fosse un metro cubo di acqua che cade in una centrale idroelettrica.  Ogni 10 metri di profondità dell'acqua corrisponde 1 atmosfera di pressione dell'aria compressa, quindi a 30 atmosfere l'aria sviluppa la forza di acqua che cade da 300 metri. Un metro cubo di aria a 30 atmosfere espandendosi aumenta di centinaia di volte il suo volume.

Le turbine ed i motori azionati direttamente da aria compressa richiedono pressione almeno a 300 atmosfere, come la famosa macchina Eolo, quindi un peso elevatissimo dei serbatoi e una resa proporzionalmente bassa a causa della difficoltà di trasporto e del poco peso dell'aria esercitato sulle pale delle turbine. L'aria a 300 atmosfere non può essere immessa nel cilindro del Motore Schietti perché l'acqua si ghiaccerebbe.

Il Motore Schietti Geotermico quindi ha la resa di una centrale idroelettrica di altezza 200-300 metri e portata proporzionale alla quantità di aria compressa che viene utilizzata. La convenienza consiste che le condotte sarebbero alte solo 5-7 metri e non 200-300 metri perché l'aria si espande risalendo in pochi metri di acqua a causa della differenza di pressione, sviluppando subito grande velocità determinata dall'espansione in risalita.

L'energia portata in superficie dai tubi immersi nel terreno può essere trasportata alla Centrale del Motore Schietti attraverso normali tubature di acqua calda, attraverso fili dell'energia elettrica a tensione variabile prodotta dal Motore Stirling, attraverso camion cisterna di aria compressa prodotta direttamente dal Motore Stirling, oppure attraverso tubi in cui far scorrere l'aria compressa. Ovviamente va studiato un metodo con cui azionare direttamente i compressori con il Motore Stirling senza perdere energia in trasformazioni energetiche.  Può essere pensato anche di bruciare un po' di gas se mancassero solo 10-15 gradi di differenziale termico per azionare i Motori Stirling in piena efficienza. Oppure in estate degli specchi parabolici solari.

Il Motore Schietti Geotermico quindi non è molto comodo, non produce tanta energia, ha un costo abbastanza elevato, richiede molta mano d'opera, però produce energia 24 su 24 sfruttando il calore geotermico presente in migliaia di punti del mondo. Quindi potrebbero essere costruite migliaia di centrali di discreta potenza, almeno pari ad una normale centrale idroelettrica o termoelettrica. In Italia potrebbero essere costruite almeno 100-200 centrali con Motore Schietti soddisfando il 20-30% del fabbisogno di energia elettrica. Non credo di più a meno che non si riescano a sviluppare tecnologie per riuscire a prendere il calore ad almeno 3000 metri di profondità, sviluppando differenziali termici di oltre 100 gradi, rendendo possibile costruire centrali geotermiche praticamente ovunque, dando energia a tutto il mondo. Il petrolio viene estratto anche a 5000 metri di profondità quindi non dovrebbe essere impossibile, si tratta di più di problemi da impatto ambientale anche se utilizzando i tubi chiusi di Schietti contenenti acqua non dovrebbero esserci esalazioni come a Larderello e sul Monte Amiata dove viene liberato il vapore di falda sotterraneo.

Riuscendo a portare calore in superficie da grandi profondità sarebbe possibile anche scaldare le case con la geotermia in tantissimi luoghi.

specchi parabolici centrale solare energia sole motore stirling
motore stirling energia geotermica geotermiamotore stirling energia solare specchi parabolici sole

Le pompe (a Motore Stirling) possono essere azionate anche col calore del sole e specchi parabolici sviluppando un differenziale termico di oltre 400 gradi, il Motore Schietti Solare che funziona 24 ore su 24 con l'aria compressa immagazzinata, forse il miglior metodo per sfruttare l'energia del sole dato che sarebbe possibile metterla sull'alta tensione.

motore schietti specchi solari parabolici centrale solare sole energia

A differenza di altri tipi di solare termodinamico che richiedono liquidi costosi e sistemi di conservazione del calore complessi, il solare di Schietti può utilizzare semplice acqua (ma non escluderei di usare comunque olio) da scaldare e convogliare in un contenitore di raccolta, sul quale riporre il Motore Stirling, col quale produrre aria compressa. Non viene conservato il calore, ma l'aria compressa. Al limite si può bruciare un po' di gas per aggiungere del calore nelle prime ore del mattino. In alcuni casi disponendo di una fonte termale geotermica ad almeno 60-70 gradi si potrebbe ulteriormente scaldare l'acqua concentrando i raggi solari. Rispetto al solare di Rubia non serve vapore acqueo ad almeno 350-400 gradi, ma bastano 100-120 gradi e si potrebbero fare scorte di aria compressa per alcuni giorni.

Il solare di Schietti è ottimo per produrre energia elettrica ai tropici dove il sole picchia tutto l'anno, mentre alle alte latitudini, come ad esempio in Europa dove picchia solo d'estate secondo me l'energia solare va utilizzata per produrre direttamente idrogeno senza utilizzare il Motore Schietti a meno che non ci si accontenti di produrre energia elettrica da mettere sull'alta tensione solo per 3-4 mesi l'anno.

Oppure ancora l'aria può essere compressa ai tropici con le turbine eoliche giganti e trasportata con enormi navi cisterna. Però il peso dell'aria compressa è molto elevato e la resa relativamente bassa e quindi secondo me con le turbine eoliche conviene produrre e trasportare idrogeno.

energia onde desalinizzatore moto ondoso oceano acqua desalinizzata

E' abbastanza facile produrre aria compressa anche col moto ondoso attraverso metodi che invece difficilmente riescono ad azionare turbine 24 ore su 24 con la stessa intensità, però anche in questo caso forse sarebbe meglio produrre direttamente idrogeno. Nel disegno viene prodotta acqua pressata che aziona una turbina che dà energia ad un desalinizzatore che ovviamente funziona solo quando ci sono onde.