Gli articoli fondamentali: Motore Schietti - Dottrina di Schietti - Movimento Schiettista - Denuncia per Genocidio. Scorri l'Home Page per tutti gli articoli.

La Dottrina di Schietti

Ultimo aggiornamento 24-05-2017



Nuovo richiamo di Schietti all'ONU e a Papa Francesco di modificare i loro documenti:

- C'è un errore di base, si ritiene che la Terra sia la "nostra casa", ma non è nostra, non c'è nessun atto di cessione o di affitto di Dio, e si cade nel delirio di onnipotenza credendo che chi detiene il potere possa fare quello che vuole -


- Dalla Carta dei Principi di Rio ‘92 dell'ONU:
La Conferenza delle Nazioni Unite sull’Ambiente e lo sviluppo (UNCED), riunitasi a Rio de Janeiro dal 3 al 14 giugno 1992 riconosce la natura integrale e interdipendente della Terra, nostra casa.

- Dall'Enciclica di Papa Francesco:
LETTERA ENCICLICA  LAUDATO SI’ DEL SANTO PADRE FRANCESCO SULLA CURA DELLA NOSTRA CASA COMUNE

Non c'è dubbio che casa vada inteso come luogo in cui viviamo, ma quel "nostra casa" non è solo un modo di dire, un assunto, ma un punto di vista sbagliato da cui nasce il modo sbagliato del genere umano di rapportarsi con l'ambiente alla conquista del potere credendo di avere come un diritto divino sul pianeta che però ci sta portando all'autodistruzione.

Nel corso dei millenni chi conquista il potere crede di essere il padrone di casa e poter fare quello che vuole. E nel mondo ci sono moltissime persone o gruppi che hanno potere che da millenni fanno la guerra fra di loro perché credono di essere a casa loro e che gli altri gli stiano usurpando il diritto di essere padroni. Il tipico esempio sono molte case regnanti che ritengono di avere il potere per diritto divino, molte religioni che credono di aver avuto da Dio il potere di essere suoi emissari e che la Terra gli sia stata affidata, o alcune ideologie che ritengono di avere verità assolute da imporre con la violenza perché non trovano consenso. Ecco allora di nuovo dopo 28 anni di studi la Dottrina di Schietti per spiegare ai potenti che non siamo a casa nostra e dobbiamo andare più cauti.

A volte si crede che per fare la rivoluzione servano le armi o i soldi per conquistare il potere e fare come se si fosse a casa propria. Invece la rivoluzione di Schietti si basa semplicemente nello spiegare dei concetti semplicissimi che una volta capiti permetterebbero a chiunque di governare saggiamente il mondo. Non si tratta di moralismo, buonismo, sentimentalismo o semplice attivismo, ma prove concrete scientifiche sulle quali si può essere tutti d'accordo.

- L'ennesima mail mandata da Schietti al Papa e al Segretario Generale ONU oltre che alla Commissione Trilaterale, al Bilderberg, al CFR, al WEF, a tutti i capi di stato del mondo e a tanti altri, con la sua Dottrina -

E’ MOLTO IMPORTANTE PER SALVARE IL MONDO

Sono Domenico Schietti, l'inventore del Motore Schietti, e dopo 28 anni di ricerche per capire perché i potenti distruggano il mondo e rendano infelici i popoli, ho scoperto che alla base c’è un punto di vista sbagliato, un antico assunto, un luogo comune a cattolici, socialisti, massoni, islamici e tanti altri.

Da alcuni millenni si ritiene che Dio abbia affidato la Terra agli uomini, che sia la nostra casa e che possiamo farne quello che vogliamo. Si crede che chi detiene il potere abbia una sorta di diritto di divino e possa sentirsi come Dio e fare quello che vuole. In particolare si ritiene che la Terra vada popolata all’infinito, che ci possa essere uno sviluppo senza limiti, che il proprio interesse giustifichi la violenza e che Madre Natura debba stare alle nostre leggi.

Non c’è nessuna prova che Dio abbia affidato agli uomini la Terra. Per alcuni la vita è una specie di scuola (una punizione per ogni errore, un premio per ogni buona azione), per altri un’avventura ( o un viaggio) con delle prove da superare per diventare esperti, saggi, fighi. Alcuni miti antichi come quello di Adamo ed Eva ci fanno ritenere che siamo in una specie di prigione ( e così può sembrare quando si sbaglia molto e si ricevono molte punizioni, o quando si è sfortunati, o quando ci hanno fatto del male, e le prove da superare sembrano molto dure). Ma non siamo a casa nostra ( e nemmeno a casa di nessuno).

Siamo anche noi parte del creato e dobbiamo sottostare alle leggi di Madre Natura ( e di Dio), non il contrario. E’ il padrone di casa che decide le regole del gioco. Non siamo noi a decidere le regole del gioco.

Siamo qui di passaggio e dobbiamo condividere il mondo con le altre creature che lo abitano. Le risorse sono limitate, non abbiamo un pianeta di scorta.

Siamo a casa di Madre Natura (la Dea Madre), non a casa nostra e quindi bisognerebbe essere molto più cauti riducendo la violenza, la discriminazione, l’inquinamento, la povertà, lo sfruttamento, la natalità, il progresso, perché se sbagliamo ci si ritorce tutto contro.

Anche se bisogna agire localmente è necessario pensare globalmente perché il mondo è interconnesso.

Se fosse tutto semplice saremmo già tutti d’accordo da millenni, quindi bisogna ragionare con saggezza insieme prendendo decisioni per il bene comune, in attesa di migliori delucidazioni. Ci sono prove individuali e prove collettive da superare.

Non sappiamo nulla di Dio Padre e Dea Madre. E' una forma convenzionale di esprimersi per definire chi ha creato il mondo e stabilito le regole che lo governano. Però in quella che crediamo casa nostra abbiamo l’abitudine di controllare ogni cosa. Volete che il padrone di casa della Terra non controlli ogni singola nostra azione e che non ci sarà un giudizio finale? Il mondo è destinato a finire prima o poi.

Schietti ha già chiesto di esprimersi in pubblico su questo problema ad Obama, Putin, Hollande, Cameron, Merkel, Renzi, Ban Ki Moon, (Trump, May, Gentiloni, Guterrez...), i principali capi di stato ed i leader economici, umanitari, ecologisti e religiosi per studiare meglio il problema tutti assieme e porre una base ideologica salda su cui costruire un futuro di pace e giustificare un governo mondiale che cerchi di attuare e migliorare gli accordi di Parigi, l’Enciclica di Papa Francesco, la Carta di Milano, la Millennium Campaign, la Dichiarazione di Rio, la mia campagna per eliminare la povertà, ed altri documenti simili come La Dichiarazione dei Diritti Umani e le leggi di molti stati, grazie ai fondi del Motore Schietti, centinaia di miliardi l'anno, che Schietti devolverebbe all'ONU donandogli il brevetto.

Secondo me nei migliori dei casi le leggi umane sono dei tentativi di applicare la legge di Dio e Madre Natura ( o meglio interpretare la volontà divina), cioè punire le azioni sbagliate e premiare quelle giuste, e non prendere il posto di Dio e Madre Natura volendo decidere noi cosa sia giusto e cosa sia sbagliato, accorgendoci poi che ci si ritorce tutto contro quando non seguiamo la legge di Dio e Madre Natura (2+2=4 e non 2+2=5) e non puniamo le azioni sbagliate magari perché fanno comodo a chi detiene il potere (come la corruzione, il debito pubblico, i monopoli, il debito estero, le centrali nucleari, il petrolio, l'effetto serra, la vendita di armi e tanti altri prodotti dannosi).

In ogni caso Dio e Madre Natura puniscono gli errori, per esempio se si cammina con la stringa slacciata è facile inciampare, ma non serve un tribunale per punire il reato di stringa slacciata. Mentre per reati più gravi può essere utile un ordinamento civile planetario altrimenti si sbaglia a non volere punire gli errori come una madre ed un padre con loro figlio se non lo educano. Diversamente si rischiano gravi disastri come per esempio incidenti nucleari, guerre, ingiustizie, povertà, sovrappopolazione, violenza, criminalità, corruzione, inquinamento, deforestazione.

Sembrerebbe una stupidata, ma se il problema venisse capito cambierebbe la storia dell’umanità e si vivrebbe notevolmente meglio rispettando gli esseri umani e l’ambiente.

NON SIAMO A CASA NOSTRA!

Domenico Schietti
http://domenico-schietti.blogspot.it



E' LA NOSTRA CASA COMUNE O NON SIAMO A CASA NOSTRA?

- La Dottrina ONU, del Vaticano, dell'UE ( che siamo nella "nostra casa comune") non è proponibile per profughi, immigrati, delinquenti, poveri, giovani, maschilisti, inquinatori, non solo per i potenti - La Dottrina di Schietti applicata alla base sociale (che non siamo a casa nostra) rende tutto chiaro, tornano i conti, si capisce tutto e rende possibile un ordinamento civile planetario -

NUOVA MAIL DI SCHIETTI A VATICANO, ONU, MEDIA, GOVERNI, BILDERBERG, CFR, WEF, TRILATERALE, GRUPPI ECOLOGISTI

La Dottrina di Schietti molti ritengono sia solo un punto di vista adatto per chi detiene il potere in modo che proceda più cauto senza il tipico delirio di onnipotenza. Ma non è solo così. Se provate ad applicarla alla base sociale torna tutto.

"Non c’è nessuna prova che Dio abbia affidato agli uomini la Terra. Per alcuni la vita è una specie di scuola (una punizione per ogni errore, un premio per ogni buona azione), per altri un’avventura ( un viaggio) con delle prove da superare per diventare esperti, saggi, fighi. Alcuni miti antichi come quello di Adamo ed Eva ci fanno ritenere che siamo in una specie di prigione ( e così può sembrare quando si sbaglia molto e si ricevono molte punizioni, o quando si è sfortunati, o ci hanno fatto del male, e le prove da superare sembrano molto dure). Ma non siamo a casa nostra ( e nemmeno a casa di nessuno)".

Vediamo alcuni problemi:

- Sovrappopolazione: a casa propria, anche in quella comune, si fanno tutti i figli che si ritiene giusto sentendosi ricchi e potenti ed al limite si fa la guerra con gli altri per impossessarsi delle risorse perché non si vuole vivere in condivisione con altri come nella casa del Grande Fratello, ma nella propria casa personale e bisogna diventare forti e numerosi per combattere con gli altri. Mentre a casa di Dio e Madre natura meglio andare cauti, non ci sono risorse per tutti, se si sbaglia si ritorce tutto contro, non c'è un pianeta di scorta, non si ha un'autorizzazione esplicita di avere figli (anche se non c'è nemmeno un divieto chiaro) e quindi meglio usare i metodi anticoncezionali.

- Profughi e immigrati: se sono tutti a casa loro, nella loro casa comune si crea un conflitto con chi risiede già in un luogo da secoli come sta avvenendo in UE. Milioni di profughi e immigrati vengono accolti nella loro casa comune e credono di poter fare quello che vogliono, mentre è evidente che non sono a casa loro, c'era gente da secoli o da millenni e non si può lasciargli credere che possono invadere un paese e sentirsi a casa propria. Come d'altronde non è a casa propria chi vive già in un luogo da secoli perché deve seguire le leggi comuni e non può fare quello che vuole.

- Criminalità: se uno crede di essere a casa propria, anche quella comune, può fare quello che vuole, anche compiere reati di ogni genere come chi sta al potere. Se delinquono i potenti, anche lui è a casa sua e può delinquere come tutti sentendosi nel giusto. E sbagliano la legge e la polizia che gli negano il diritto di sentirsi a casa propria e fare quello che ritiene giusto. Al contrario se uno crede di essere a casa di qualcuno ricco e potente, o a casa di nessuno, e non a casa sua, si sente in diritto di prendere e portare a casa sua, o distruggere, o sostituirsi al potere, senza riflettere sul senso più ampio delle proprie azioni, che nessuno è a casa propria e dobbiamo convivere in modo civile.

- Poveri: un povero se è nella propria casa comune non si capisce perché sia povero ed altri ricchi, lui escluso ed altri no e si genera ingiustizia in senso inverso, non in direzione di giustizia, ma nel tentativo di essere disposti a tutto anche uccidere e distruggere la natura per godere i diritti dei ricchi. Invece se nessuno è a casa propria, se siamo a casa di Dio e Madre Natura, al limite un povero richiede maggiore cautela, più giustizia e rispetto delle leggi per tutti e quindi come spiega la Dottrina di Schietti bisogna ridurre la povertà e lo sfruttamento per evitare ingiustizie.

- Giovani: un giovane che crede di essere a casa propria non rispetta gli anziani, vuole il potere, si ribella ai genitori e alle leggi, vuole bruciare le tappe. Se invece non è casa sua si tranquillizza e cerca di capire che per ogni azione giusta c'è un premio ed ogni azione sbagliata una punizione e si indirizza verso azioni positive per avere premi.

- Inquinamento: se uno crede di essere a casa propria non gliene frega niente di inquinare, al limite spera di non essere visto e non dover incappare nelle leggi, mette le scorie sotto lo zerbino. Anche se ritiene di essere a casa di qualche ricco potente, o di nessuno, non gliene frega niente. Se invece capisce che siamo nel regno di Madre natura e che ogni sua azione è guardata e giudicata, qualche pensiero gli viene. Ormai ci sono telecamere dappertutto, prove scientifiche, indagini internazionali, reporter di ogni tipo, e il reato di inquinamento va perseguito in tribunale.

- Emancipazione femminile: l'esempio calzante è quello del tipico maschio autoritario, prepotente, arrogante e violento che si sente il padrone assoluto di casa per via di una certa preponderanza fisica e non considera che siamo nel Regno di Madre natura, che le femmine sono mediamente più intelligenti degli uomini, hanno meno vizi, e sono le sue predilette e quindi vanno difese, aiutate, protette come i bambini e la natura. E proprio nella difesa, nell'aiuto, nella protezione di donne e bambini (e anche della natura) ci sente veri uomini, dei maschi forti, rispettati, amati, degni di Dio.

- Ricchezza: se la proprietà di beni e mezzi di produzione non è a discapito degli altri e dell'ambiente, non c'è motivo per vietare la possibilità di accumulare e tramandare la proprietà come un'azienda che dà lavoro, o un terreno che produce cibo, premiando la bravura, l'impegno e la capacità di risparmiare rispetto a chi dissipa o non ha capacità. Invece di proprietà sarebbe più corretto parlare di diritto di utilizzo a favore degli altri e quindi si capisce il concetto di discapito degli altri e dell'ambiente. Con la Dottrina di Schietti diventa necessario il divieto di proprietà di aziende che inquinano, che sfruttano i lavoratori, di monopoli, mentre ben vengano le persone che riescono ad avere beni e mezzi di produzione a favore degli altri e dell'ambiente. Tutti con i frutti del proprio lavoro devono poter avere beni di cui disporre l'utilizzo in esclusiva, dalle mutande, ad una casa, a dei soldi, ad una azienda, ma non essendo a casa propria non possono fare quello che vogliono e devono seguire le leggi come tutti.

Gli articoli lunghi diventano noiosi. Avete capito il problema. La Dottrina di Schietti non è solo un problema ideologico per persone al potere, ma cambierebbe in pochi anni lo stile di vita della popolazione mondiale e non andrebbe imposta con la violenza. E' quindi ha senso parlare di Buone azioni e di Stile di Vita Schiettista, vedi https://domenico-schietti.blogspot.it/2015/09/giornata-mondiale-della-buona-azione.html

Ritenendo che siamo nella "nostra casa comune" come asseriscono gli ideologi cattolici, socialisti e massoni, non tornano i conti in nessun ambito umano.

 "...quel "nostra casa" non è solo un modo di dire, un assunto, ma un punto di vista sbagliato da cui nasce il modo sbagliato del genere umano di rapportarsi con l'ambiente alla conquista del potere credendo di avere come un diritto divino sul pianeta che però ci sta portando all'autodistruzione".

"Sembrerebbe una stupidata, ma se il problema venisse capito cambierebbe la storia dell’umanità e si vivrebbe notevolmente meglio rispettando gli esseri umani e l’ambiente".

Domenico Schietti
http://domenico-schietti.blogspot.it




DIO PADRE E SATANA, DEA MADRE E LILITH

- Schietti spiega il culto di Madre Natura, la Dea Madre, distinguendo dal suo opposto, Lilith, il diavolo femmina -

Oramai è il giorno successivo ( 13/09/2016) il miracolo della Colombella e del Drago verde ( se notate Madre Dea nell'immagine simbolo del nostro gruppo Facebook, del Motore Schietti e della Dottrina di Schietti, è vestita di bianco ed è presso una sorgente immersa nel verde, ci sono delle similitudini). Il Miracolo è accaduto per la fondazione del Movimento Schiettista dell'11/09, basato sulla Dottrina di Schietti. Un chiaro segno di Madre Natura.

La visione va interpretata che Madre natura è vicino agli ecologisti ( gli Schiettisti), che avendola sul proprio fianco si sentono dei draghi verdi dispensatori di Grazia per la salvezza del mondo da violenza, guerra, effetto serra, povertà, inquinamento, deforestazione e quindi per la pace nel mondo.

Cominciamo subito a dire che di Dio Padre e Dea Madre non si sa quasi nulla e sarebbe meglio non dire nulla perché si rischia solo di dire cose sbagliate. Però siccome sorgono spontanee le domande di chi abbia creato il mondo e stabilito le regole che lo governano, si dice che lo abbia fatto Dio ( e io aggiungo Dea Madre), oltre è meglio non spingersi.

Però qualcosa bisogna dire perché ad esempio cercando su Google immagini di "Madre natura" o "Dea Madre" si trovano disegni di serpenti tentatori arrotolati sugli alberi, di lupe affamate, di tigri mangiatrici di uomini, che non sono certo le stesse immagini della Primavera che arriva e colora di fiori, o di Ceres tra il grano maturo, o dell'abbraccio di Gaia alla Terra o di una qualsiasi madre col proprio bambino in braccio che lo allatta come la Madonna con Gesù bambino.

Mentre da millenni si è cercato di attribuire a Dio Padre tutti gli attributi positivi maschili ( saggezza, potenza, eternità, onnipresenza, infinità, lungimiranza, sapienza, tolleranza, maestria, virtù... ) e a Satana gli attributi negativi (violenza, arroganza, pazzia, peccato, disgrazia, superbia, vizio...)  non è stata fatta la stessa cosa con lo spirito femminile che pervade il creato.

Non è difficile da capire, a Dea Madre, Madre Natura vanno conferiti gli attributi positivi femminili ( generosità, fertilità, saggezza, prosperità, abbondanza, propizia, magnificenza, magnanimità, maternità, affetto, benevolenza, grazia, misericordia, bellezza, armonia, intelligenza, ispirazione, sensibilità, giustizia, pace, ...) e a Lilith quelli negativi (cattiveria, perfidia, malignità, insania, isteria, violenza, vendetta, peccato, tentazione, aridità, ... ).

Aggiungete pure voi tutti gli attributi positivi maschili e femminili che volete a Dio Padre e Dea madre, si chiamano carismi, o virtù o grazie o pregi.

E se volete aggiungete pure gli attributi negativi a Satana e Lilith, si chiamano vizi o difetti.

Non dovete aver paura di Satana e Lilith perché tutti devono seguire le leggi di Madre Natura e di Dio. Quindi anche le lupe affamate, i serpenti, le tigri, e quindi anche i pazzi, i violenti, gli inquinatori, gli approfittatori.

Nel bene vi è sempre un po' di male e nel male vi è sempre un po' di bene, quindi in nessun essere umano è possibile fare una distinzione netta fra bene e male come qualcuno forse a torto cerca di fare in Dio e Satana, Dea e Lilith. E quindi nemmeno negli animali è possibile fare una così netta distinzione anche se spesso la natura è maligna, violenta, pericolosa. Ma non va confusa con Madre natura che è una figura astratta. La natura è il creato, Madre natura, o Dea madre, è la creatrice.

Dio e Dea non sono immanenti, cioè concreti in carne ed ossa, ma con il loro spirito pervadono il creato. Infatti in alcune religioni si parla di Spirito Santo. Nello Spirito Santo  ci sono i carismi, le virtù. Si può anche definire Luce, Pentecoste, ed è contenuto nel Regno dei Cieli (la Città della Luce) apparso a tanti mistici ed illuminati, anche a me, e dove forse si va dopo morti se si sono compiute buone azioni, il Paradiso.

Lo Spirito Santo chiaramente è di due nature, lo spirito maschile e lo spirito femminile e quindi si può dedurre che vi sia un Padre Natura e una Madre Natura, quindi un Dio Padre e una Dea Madre.

Ma oltre non mi spingo perché si rischia solo di sbagliare, non sappiamo nulla di Dio e Dea però è sbagliato avere religioni che credono solo in Dio Padre o altre che credono solo in Dea Madre. Effettivamente sembra ci siano tutte e due e quindi non ci deve essere nessuna superiorità del maschio sulla femmina anche se ci sono notevoli diversità.

Essendo che Dio e Madre Natura ci educano dando un premio per ogni buona azione e una punizione per ogni sbaglio, la vita va interpretata come una scuola in cui imparare, o un viaggio (un avventura) in cui bisogna superare prove. Se si sbaglia troppo e si ricevono troppe punizioni, o si è molto sfortunati, o ci hanno fatto del male, la vita sembra una galera, quindi in alcuni casi non è sbagliato nemmeno ritenere che siamo in una specie di galera.

Quindi bisogna incentrarsi nel compiere buone azioni, cioè azioni giuste, valide, positive che vengono premiate da Dio e Dea. Si capisce chiaramente quando riceviamo un premio e quando una punizione (per esempio quando mangiamo un cibo buono che ci nutre o un cibo marcio che ci fa stare male e vomitare).

La storia umana è orientata da Dio e Madre natura premiando le scelte giuste e quindi alla lunga dovrebbe prendere una piega positiva anche se, come nelle scelte personali, è possibile autodistruggersi perseverando negli errori.

Su queste basi si possono emanare leggi umane per interpretare la volontà divina ed ordinare il mondo come spiego nella Dottrina di Schietti.

Per interpretare la realtá e risolvere problemi bisogna usare il metodo scientifico. Però spiritualmente le preghiere aiutano. In alcuni casi anche talismani, gesti scaramantici od oggetti di culto su cui concentrare energia positiva.

Il luogo della visione quindi non è sbagliato se diventasse un luogo di culto perché vi è apparsa Madre Natura in forma immanente, una vera rarità considerando l'allegoria dell'ecologista ( lo Schiettista) che con Madre Natura al suo fianco si sente un drago verde e salva il mondo dispensando Grazia.

Quindi è lecito bere e bagnarsi con l'acqua della fontana sperando di ricevere grazie.  I miracoli sono rarissimi, però grazie, cioè riconciliazioni, comprensioni, aiuti, consigli sono a milioni ogni giorno per i fedeli di Dio e Dea ed anche di tanti santi.

Anche solo la foto dovrebbe portare bene e quindi una preghiera vicino alla foto dovrebbe incedere grazia.

Se la fontanella diventasse un luogo di culto, andrebbero anche ricevute offerte credo per foreste, riserve naturali, luoghi ameni, parchi e giardinetti di tutto il mondo. Ed ovviamente anche per bisognosi. A seconda delle possibilità di ognuno maggiore fosse l'offerta, maggiore sarebbe la possibilità di ricevere grazia anche se la fede, le buone intenzioni e le buone azioni accumulate contano di più. Ma contano anche le donazioni perchè c'è bisogno nel mondo, ed è una buona azione anche donare.

Grazie

Domenico Schietti
http://domenico-schietti.blogspot.it/



PRIMA CERIMONIA UFFICIALE ALLA FONTANELLA DEL DRAGO VERDE E DELLA COLOMBELLA

- La Cerimonia di Benedizione del Creato nel Primo Luogo Ufficiale di Culto Schiettista -

Si è tenuta oggi pomeriggio (14/09/2016) sotto il sole splendente verso le 13.40 la Prima Cerimonia Ufficiale al Drago Verde di Trenno, il primo luogo di culto Schiettista.

Schietti ha officiato la Cerimonia di Benedizione del Creato con l'acqua santa della fontanella nel Nome della Dea Madre.

E' stato molto emozionante, mi sentivo un drago verde (un asso, un campione, un figo, un mostro di bravura), proprio come spiega la visione, che gli ecologisti (gli Schiettisti), con a fianco Madre Natura sono come dei Draghi Verdi che dispensano Grazia e lottano contro violenza, guerra, effetto serra, inquinamento e povertà per la pace nel mondo.

Spero sia la prima di una lunga serie di cerimonie e che riusciremo ad ottenere i nostri obiettivi, la diffusione della Dottrina di Schietti  e del finanziamento dello Schiettismo con i proventi del Motore Schietti semmai donando all'ONU il brevetto per UNICEF, FAO, UNEP, OMS; UHNCR.

Per adottare lo Stile di Vita Schiettista vedi https://domenico-schietti.blogspot.it/2015/09/giornata-mondiale-della-buona-azione.html

Ps: Chi vuole può aiutarmi a pagare le pubblicità su Facebook del Motore Schietti scrivendomi a skydom3@gmail.com . Se volete pagare direttamente i dati delle mie carte di credito sono ( Domenico Schietti IBAN IT60G0307502200CC8500224775 ) oppure (Postepay 4023 6009 2053 1748 Domenico Schietti SCHDNC65L14F205J ). L'annuncio viene mostrato su Facebook 15 mila volte al giorno. Potete trovare la mia biografia nella versione web sul fianco destro del blog.